Quanti allievi hanno problemi nell'apprendimento scolastico malgrado siano intelligenti ?

A quanti è già capitato di aver studiato molto e al momento di andare in scena, non ricordare quasi nulla, avere l'ansia e una grande nebbia davanti a se ?

Molte materie, tra cui la matematica, sono fonti di ansie e tensioni perché risultano difficili da capire e quindi problematiche nel memorizzare le varie sequenze e regole.

 

Che cos'è la "mnemonica"

È una tecnica per acquisire a livello mentale informazioni che possono risultare difficili da memorizzare seguendo il normale apprendimento.

È risaputo che la nostra mente memorizza con più facilità informazioni che ci vengono trasmesse attraverso immagini ed emozioni in particolare se sono emozioni sensoriali. Quindi possiamo allenare il nostro sistema di apprendimento utilizzando principalmente immagini, situazioni e colori, abbinandoli ai dati che vogliamo ricordare con più facilità. Creando gli stimoli sensoriali che aiutano il nostro inconscio a memorizzare quanto vogliamo apprendere.

Nell'antica storia viene citato "Simonide di Ceo" quale inventore dell'arte della memoria, dove in una leggenda si narra che quest'ultimo sfuggito miracolosamente al crollo di una sala in cui si trovava a banchettare con altri invitati, seppe identificare i corpi dei vari commensali, resi irriconoscibili dalle ferite, ricordandosi del posto che occupavano a tavola. Da questo evento Simonide ricavò l'importanza dell'ordine e delle immagini per la memoria.

« Ben vide Simonide o chiunque ne sia stato l'inventore che le impressioni trasmesse dai nostri sensi rimangono scolpite nelle nostre menti e che di tutti i sensi il più acuto è quello della vista. Per cui dedusse che la memoria conserva molto più facilmente il possesso di quanto si ascolta o si pensa quando le loro sensazioni entrano nel cervello con l'aiuto della vista. In questo modo la rappresentazione con immagini e simboli concretizza le cose astratte ed invisibili con tanta efficacia, che riusciamo quasi a vedere realmente mediante immagini concrete quel che non siano capaci di percepire col pensiero. »

(M. T. Cicerone, Dell'oratore, cit., II, LXXXVII, 357)

Esistono diversi metodi o tecniche mnemoniche per facilitare la memorizzazione, ma pochi quelli che esercitano  la condivisione di informazioni e gestire il relativo disequilibrio tra i due emisferi cerebrali e quindi generare uno stato di perfetto riequilibrio, facilitando l'apprendimento.

Il nostro cervello è suddiviso in due emisferi:

quello destro gestisce le attività legate alla creatività, alla fantasia, all'irrazionale, all'olistico, al linguaggio non verbale e intuitivo,

mentre quello sinistro gestisce le attività legate al linguaggio, alla scrittura, al calcolo, allo stato temporale, razionale e simbolico.

 

Spieghiamo in modo semplice, come vengono interpretati gli impulsi che trasmettiamo al nostro cervello. Prendiamo per esempio la parola "albero" (facilmente definibile). L'emisfero sinistro (attività del linguaggio) decodifica questa parola, generando un processo transderivazionale che genera l'immagine dell'albero nell'emisfero destro (attività della creatività) e quindi l'individuo associa la parola "albero" all'immagine dell'albero. Risulta ovvio che in ogni individuo la figura dell'albero potrà rappresentare immagini diverse, a seconda delle proprie capacità selettive riguardanti questa figura e al proprio vissuto sensoriale. (potrà raffigurare: un pino, un abete, un ciliegio, con pochi o tanti rami, con foglie o fiori, grande o piccolo, eccetera)

Se usiamo una parola meno definibile, per esempio: "cultura" l'emisfero sinistro cercherà una decodifica simbolica di questa parola, avendo molte articolazioni, e quindi il processo transderivazionale, molto più complesso, andrà a generare una moltitudine di immagini sensoriali che contemplano un riferimento a questa parola; quindi non più una immagine definita ma bensì un quadro complesso di difficile memorizzazione.

Questo di principio è il processo che si instaura nell'apprendimento quando associamo parole "definibili" (albero) e quindi facilmente assimilabili ed elaborabili dalla nostra memoria, e parole "indefinibili" (cultura) che richiedono un'ampia ricerca con molte possibili associazioni per essere elaborati dalla nostra memoria.

Il metodo MAM - Metodo Armonizzazione Memoria - utilizza quale stimolo sensoriale una tecnica sperimentata di ipnosi visiva per aiutare l'individuo a scoprire e sfruttare al meglio le sue potenzialità mnemoniche, facilitandolo in tutte le operazioni di esercizio dell'apprendimento.

Inoltre permette allo studente di beneficiare di uno stato di rilassamento profondo, di sconfiggere le tensioni e l'ansia che è presente quanto si è confrontati con il dover generare delle prestazioni immediate. L'allievo impara le tecniche di rilassamento, di autocontrollo e di concentrazione, che in seguito, potrà usare autonomamente in qualsiasi situazione verrà a trovarsi.

L'importanza di un corretto metodo di memorizzazione, porta a facilitare ogni tipo di apprendimento. In particolare già a partire dai primi anni scolastici dove la mente è molto plasmabile e i ragazzi devono ancora imparare a conoscersi e quindi scoprire le loro capacità mnemoniche.

Con questo metodo, coadiuvato da particolari tecniche di rilassamento psicofisico, si aiuta il giovane a migliorare la sua capacità di apprendimento, ad allenare la sua mente alla percezione e comprensione immediata di situazioni, simboli e funzioni, eliminando l'ansia e quindi migliorando anche i suoi risultati, indipendentemente dalla materia in cui trova difficoltà.

Questo percorso è raccomandato a tutti, dai bambini fino ai studenti liceali, per un miglioramento delle proprie capacità mnemoniche.                    In particolare ai bambini a partire dalla seconda - terza elementare, dove hanno già avuto modo di confrontarsi con l'apprendimento alfabetico - numerico e le prime difficoltà scolastiche.

Quanto prima vengono affrontate queste difficoltà, che all'inizio per i genitori possono sembrare banali, prima l'allievo acquisisce un valido supporto pedagogico per il suo percorso d'apprendimento, non intaccando la propria autostima a seguito di insuccessi e scarsi risultati scolastici.

Inoltre è consigliato a tutti quei soggetti a cui è stato diagnosticato un problema di DSA - Disturbo Specifico d'Apprendimento. In particolare nei casi di dislessia e discalculia.

Per maggiori informazioni, vi invitiamo a contattarci.

*MAM Metodo Armonizzazione Memoria è un metodo sviluppato sotto la nostra direzione e certificato, protetto da Copyright - 2018